Ferie, Imposte e Stipendio Netto

Il Piede della Busta Paga

La parte inferiore della busta paga, che viene chiamata piede, contiene dati fondamentali: vediamoli insieme

Food

  • Totale lordo: totale delle competenze, incluse le trattenute.
  • Totale netto: ammontare dello stipendio effettivamente ricevuto dal lavoratore, una volta detratti contributi sociali, imposta Irpef, eventuale quota di adesione ad un sindacato, eventuale rata relativa alla cessione del quinto e via dicendo...
  • Imponibile Irpef: base sulla quale calcolare l'Irpef ed in merito ricordiamo che le aliquote sono basate su un sistema pi che proporzionale. Inoltre va precisato che dall'imposta lorda necessario sottrarre le detrazioni per il lavoro dipendente e per i familiari a carico.
  • Detrazioni da lavoro dipendente: ne beneficiano tutti i dipendenti, in percentuali diverse a seconda del proprio reddito e dei giorni di lavoro. Ad esempio per la fasce di reddito inferiori a 8.000 euro annuali la detrazione massima pari a 1.840 euro e non pu in alcun caso essere inferiore a 690 euro. Nell'ipotesi di redditi annui inclusi tra gli 8.001 e i 15.000 euro la detrazione spettante si calcola sottraendo a 15.000 il reddito complessivo e dividendo il risultato per 7.000. La cifra ottenuta va poi moltiplicata per 502 ed il risultato sommato a 1.338.
  • Detrazioni per familiari a carico: la normativa prevede detrazioni sia per il coniuge a carico, qualora non sia separato e non possieda redditi propri, sia per i figli, con percentuali diverse a seconda della loro et e del reddito percepito dal lavoratore. Inoltre sono previste detrazioni anche per gli altri familiari come genitori, suoceri, fratelli etc... i quali convivano col il lavoratore che beneficia delle detrazioni.

Previsioni del Tempo

  • Ferie: nella busta paga sono indicate le ferie residue dell'anno precedente, quelle maturate nell'anno in corso, quelle godute ed infine le restanti. Per calcolare le ore di riposo spettanti sufficiente dividere i giorni di ferie previsti annualmente dal proprio Contratto di Lavoro per 12 e moltiplicare il risultato ottenuto per i mesi di servizio, ovviamente sommando anche le eventuali ferie rimaste dall'anno precedente. In linea generale i giorni di ferie a beneficio di un dipendente non possono essere inferiore a quattro settimane all'anno, anche se i Contratti Collettivi Nazionali possono stabilire delle condizioni migliorative. Importante ricordare, infine, che le ferie retribuite rappresentano un diritto e che non vanno perdute qualora non vengano godute nell'anno in cui sono state maturate. Il dipendente ha, quindi, diritto di beneficiarne anche l'anno successivo e, qualora il rapporto di lavoro cessi, di vedersele liquidate nell'ultima busta paga.


Offerte Hotel